1   Parco della Cavallera
   
2     Parco del Molgora
 
3   Frazione Velasca
 
4    Filari e siepi tra Vimercate e Sulbiate
 
5   GREENVAY
 
6   OPERE CONNESSE
 
   
ALBIATE (MB)
 
AICURZIO (MB)
   
ARCORE (MB)
 
BARLASSINA (MB)
 
BELLUSCO (MB)
 
BERNAREGGIO (MB)
 
BIASSONO (MB)
 
BOLTIERE (BG)
 
BONATE SOPRA(BG)
   
BONATE SOTTO (BG)
 
BOTTANUCO (BG)
 
BOVISIO-MASCIAGO (MB)
 
BREGNANO (CO)
 
  BREMBATE (BG)
 
BUSTO ARSIZIO (VA)
 
CAIRATE (VA)
 
CANTELLO (VA)
 
CAPRIATE SAN GERVASIO (BG) 
 
CARATE BRIANZA (MB)
 
CARBONATE (CO)
 
CASNATE CON BERNATE (CO)
 
CARNATE (MB)
   
CARIMATE (CO)
 
CASSANO MAGNAGO (VA) 
 
CASTIGLIONE OLONA (VA)
 
CERMENATE (CO)   
 
CERIANO LAGHETTO (MB)
 
CESANO MADERNO(MB) 
 
CHIGNOLO D'ISOLA(BG)
 
 CIRIMIDO (CO)
 
  CISLAGO (VA)
 
CLIVIO(VA)
 
COGLIATE (MB)
 
COMO
 
CORNATE D'ADDA (MB)
 
DALMINE (BG)
 
DESIO (MB)
 
FAGNANO OLONA (VA)
 
FENEGRO' (CO)
 
FILAGO (BG)
 
   GAZZADA SCHIANNO (VA)
 
GERENZANO (VA)
 
GORLA MAGGIORE (VA)
 
 GORLA MINORE (VA)  
 
GRANDATE (CO)
 
LAZZATE (MB) 
 
LENTATE SUL SEVESO (MB)
 
LESMO (MB)
    
LIMBIATE (MB)
   
LIMIDO COMASCO (CO)
   
LIPOMO (CO)
    
LISSONE (MB)
   
LOCATE VARESINO (VA)
 
LONATE CEPPINO (VA)
 
LOMAZZO (CO)
 
LOZZA (VA)
 
LUISAGO (co)
LURATE CACCIVIO (CO)
 
MACHERIO (MB)
     
MADONE (BG)
      
MALNATE (VA)
 
MEDA (MB)
 
MEZZAGO (MB)
 
MISINTO (MB)
 
MONTANO LUCINO (co)
   
MONTORFANO (CO)
 
MORAZZONE (VA)
 
MOZZATE (CO)
 
ORIGGIO (VA)
 
ORNAGO (MB)
 
OSIO SOTTO (BG)
 
OSIO SOPRA (BG)
 
PRESEZZO (BG)
 
RESCALDINA (MB)
   
ROVELLASCA (CO)
 
ROVELLO PORRO (CO)
 
SEREGNO (MB)
 
SEVESO (MB)
 
 SOLBIATE OLONA (VA)
 
SOVICO (MB)
 
SUISIO (BG)
 
SULBIATE (MB)
   
TAVERNERIO (CO)
 
TERNO D'ISOLA (BG)
 
TRADATE (VA)
 
TREZZO SULL'ADDA (MB)
 
TRIUGGIO (MB)
 
TURATE (CO)
 
UBOLDO(VA)
 
USMATE VELATE
 
VARESE
 
VEDANO OLONA (VA)
 
VILLA GUARDIA (CO)
 
VIMERCATE (MB)
   
Scrivi
               





 

Vimercate 


   
  PRESCRIZIONI E RACCOMANDAZIONI  
  
 PRESCRIZIONI COMPLETE
PRESCRIZIONI   estratto
      
28) Dovrà ridursi l'impatto dello svincolo di Vimercate rispetto alla fascia fluviale del torrente Molgora, riducendo gli attraversamenti dei fiume dai tre viadotti previsti a uno e prevedendo un incremento delle superfici da destinare a verde in corrispondenza dell'ambito fluviale.
  
83)  Intersezione: tratta C, linea RFI Monza-Molteno-Lecco, Comune di Vimercate­Usmate Velate: Lo sviluppo del progetto esecutivo e le fasi di realizzazione dei cinque sottopassì situati lungo il lato ovest dello svincolo dovranno essere confrontati con RFI con l'obiettivo di rendere minimo l'impatto sull'esercizio ferroviario.
  
141)   Relativamente agli interventi nel PLIS del Molgora si richiede di verificare l'eventualità di non realizzare l'area di sosta di tipologia As3 che prevede la possibilità di creazione di opere in muratura (bar, magazzino e WC) e illuminazione, in contrasto con la ruralità e soprattutto con le previsioni del Piano Particolareggiato dei Parco che prevedono per tali zone una destinazione agricola e non contemplano aree attrezzate per attività ricreative compatibili, ubicate in altre zone.
 
203) Opera connessa TRMI 17: si richiede di mantenere la continuità della strada comunale della Cavallera, che consente il collegamento locale Arcore - Vimercate all'interno dell'omonimo PLIS. L'interferenza con l'opera connessa dovrà essere risolta tramite realizzazione di sottopassaggio con sezione stradale cal. F2 - DM 5/1112001
 
205)Opera connessa TRMI 14: si propone l'eliminazione dell'innesto a T e la sostituzione con un sottopassaggio all'opera TRMI 14 con sezione stradale cat. FI - DM 5111/2001. Per garantire l'accesso e l'uscita alla frazione di Ruginello, ai solì autobus di linea, si chiede la realizzazione, a nord della rotatoria posta sull'opera connessa, di una connessione fra l'attuale strada e la variante in sola manovra di svolta destra/destra.
 
237) Opera connessa TRMI17 - Mantenere la continuità della pista ciclabile esistente lungo la strada comunale Arcore - Vimercate nel comune di Vimercate.
 
256 ) Elenco Opere Interferite (integrate e coordinate) - Interferenze viarie - Si verifichi la possibilità di considerare di sola competenza di autostrada Pedemontana, le cinque gallerie artificiali "Linea FS Milano-Carnate” da 1 a 5, finalizzate a consentire il sottoattraversamento della linea esistente RFI Milano - Carnate da parte del sedime dell'autostrada (asse principale e rami di svincolo).
 
264) Interconnessione A51: modificare lo schema di ingresso ed uscita dall'area di servizio lungo la A51 in direzione nord, portando il ramo di uscita dalla A51 verso Pedemontana in affiancamento alla A51 e non lungo il perimetro dell'area di servizio.
 
265) Interconnessione A51: salvaguardare l'area di servizio esistente lungo la A51 in direzione sud, recuperando ed estendendo la rimanente parte interferito nei terreni limitrofi verso nord-ovest, fino al raggiungimento di superfici compatibili cogli standard autostradali.
 
266) Interconnessione A51 - Fasi di lavoro: dovranno essere mantenute le due corsie per senso di marcia sulla A51.
 
267) Nelle successive fasi di progettazione-prestare particolare attenzione al dimensionamento, nel; rispetto della normativa vigente in materia, delle interconnessioni: A51 tangenziale est di Milano gestita dalla società Concessionaria Milano..Serravalle SpA; A8 Milano-Varese, A9 Lainate-Como­Chiasso e -A4 Torino-Trieste gestite dalla società concessionaria Autostrada per l'Italia SPA
 
RACCOMANDAZIONI
 
79) Tratta D - Studiare una soluzione con barriere acustiche per il cavalcavia di viale Brianza in comune di Arcore, purché senza aggravio di costi.
    
 
80) Prevedere l'eventuale rifacimento di strade urbane eventualmente rovinate dal passaggio di carichi eccessivi e inusuali.
 
81) Opera connessa TRMI17 - Verificare la possibilità di un innesto di tipo "destra-destra" tra via Polini e l'opera connessa.
 
149) Tratta C – Verificare la possibilità di completare l’intervento di mitigazione a sud dell’asse principale compreso tra le due fasce già previste nel progetto nel comune di Vimercate purché senza aggravio di costi.
   
150) Tratta C - Con riferimento al progetto di mitigazione ambientale n. 15, in comune di Vimercate, si raccomanda che la posizione dei filari arborei misti e la fascia arboreo arbustiva, quali opere di mitigazione localizzate a nord/est della frazione o completamento viabilistico previsto dal PRG, purché senza aggravio di costi.
 
151 Tratta C - Con riferimento ai progetti di mitigazione ambientale n. 8 e 9, in comune di Vimercafe, verificare la possibilità di realizzare la stessa opera di mitigazione in progetto già prevista lungo il lato ovest, anche lungo il lato est della viabilità connessa, localizzata nel Parco Agricolo della Cavallera, purché senza aggravio di costi.
 
152   Tratta D - Con riferimento ci progetti di mitigazione ambientale n. 1, in comune di Vimercate, verificare la possibilità di completare le opere di mitigazione lungo tutta la tratta dell'opera connessa TRMI14, purché senza aggravio di costi.
 
153  Tratta C - Con riferimento al progetto locale di compensazione n° 28, in comune di Vimercate, verificare la possibilità di traslare verso sud-ovest l'intervento di piantumazione di filari e realizzazione di pista ciclopedonale, fino ad ottenere una simmetria rispetto all'intervento posto a sud-ovest, di fianco al cimitero, al fine di garantire un possibile sviluppo urbanistico delle aree poste a nord-est, purché senza aggravio di costi.
 
154)  Tratta D - Verificare la possibilità di realizzare una pista ciclabile lungo via Motta, in comune di Vimercate, per il collegamento della frazione di S. Maurizio di Vimercate con la frazione Cascina Corrada di Carnate, purché senza aggravio di costi.
   
155) Tratta D - Garantire la continuità del collegamento ciclopedonale tra i comuni di Vimercate e Bellusco lungo la provinciale Trezzo - Monza, purché senza aggravio di costi.
   
156)  Tratta C - Verificare la possibilità di spostare la rotonda di progetto in prossimità della via Kennedy, in comune di Vimercate, secondo la geometria proposta dal Comune (vedere allegato DCC n° 27 del 13/05/09), al fine di salvaguardare il carattere esclusivo della strada interna all'attività produttiva esistente, purché senza aggravio di costi.
   
257) Interconnessione A51 - Idraulica: per tutti i tratti previsti che ricadranno in futuro sotto la competenza e gestione di Milano Serravalle, prevedere un adeguato sistema di collettamento e smaltimento per la gestione delle acque di piattaforma, indipendente da quello previsto per le opere che verranno gestite da Autostrada Pedemontana, purché senza aggravio di costi.
 
258)Interconnessione A51 - Segnaletica: per tutti i tratti previsti che ricadranno in futuro sotto la competenza e gestione di Milano Serravalle, la segnaletica sia orizzontale che verticale dovrà essere conforme agli standard di Milano Serravalle, purché senza aggravio dì costi. Tali aspetti saranno meglio definiti e concordati in numero e dettaglio nella progettazione esecutiva.
   
259)Interconnessione A51 - Sicurvia e recinzioni: nella progettazione esecutiva dovranno essere individuate le tipologie, le caratteristiche prestazionali, gli elementi di vincolo, gli attenuatori d'urto e quanto altro necessario al fine di adeguare e minimizzare le tipologie presenti sulla rete in concessione alla Milano Serravalle, purché senza aggravio di costi.
 
260)Interconnessione A51 - Mitigazioni: nella progettazione esecutiva dovrà essere aggiornato ed integrato lo studio di impatto acustico e le relative opere antirumore, con particolare riferimento ai ricettori rientranti nelle fasce di pertinenza acustica di Milano Serravalle.
 
261)Interconnessione A51 - Impianti: prevedere un adeguato sistema di illuminazione per i rami di svincolo d'interesse di Milano Serravalle, purché senza aggravio di costi.
 
262)Interconnessione A51 - Impianti: il sistema impiantistico dovrà essere indipendente da quello previsto per le opere che verranno gestite da Autostrada Pedemontano, purché senza aggravio di costi.
 
263)Interconnessione A51 - Impianti: prevedere che i portali di PMV di itinere in A51 sulla carreggiata nord informino l'utenza prima dei rami dell'interconnessione con Pedemontana. Analogamente i portali PMV di itinere sulla Pedemontana dovranno essere atti all'indicazione di informazioni all'utenza diretta sulla A51, purché senza aggravio di costi.
 
264)Interconnessione A51 - Sistema di esazione: nella progettazione esecutiva dovranno essere approfondite con Milano Serravalle le implicazioni relative al doppio sistema di pedaggio che si avrebbe con la vicina barriera di Agrate e che potrebbe introdurre alcune necessità, quali ad esempio la opportuna informazione agli utenti della A51 provenienti dalla sopra citata barriera, purché senza aggravio di costi.
 
265)Interconnessione A51: prima dell'attivazione della modifica del nodo di interesse, dovrà essere stipulata apposita convenzione con Milano Serravalle, gestore della A51, per regolare le competenze manutentive, gli elementi di proprietà, le modalità di cantierizzazione ed esecuzione.
PRESCRIZIONI COMPLETE
 
 
 
 
13 novembre 2009 – “ROAD SHOCK 2009-2010” – Vimercate
Ph. D. Arch. Paolo Conte   PRESENTAZIONE
   
Osservazioni presentate da  Insieme   in   rete   per   uno   sviluppo   sostenibile
   
OSSERVAZIONI GENERALI DEL 09 GIUGNO 2009
   

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DEFINITIVO DI AUTOSTRADA PEDEMONTANA

COMUNE di VIMERCATE

   

TRACCIATI COMPLEMENTARI

 

Tangenzialina Bellusco-Vimercate (TRMI14).
L’opera connessa così come prevista prevede un grande consumo di suolo agricolo e si teme che le aree contigue possano prestarsi a sviluppi edilizi in un prossimo futuro, sviluppi che porterebbero ad ulteriore consumo di suolo.
Pertanto si richiede che l’opera connessa sia eliminata nella parte iniziale (da Bellusco verso SUD) facendola coincidere per questo tratto con l’esistente SP3. Invece nella parte finale che è quella che notoriamente provoca intasamenti nel traffico veicolare, l’opera andrebbe effettuata per bypassare il semaforo di Vimercate (dopo la via Solferino) in modo da snellire il traffico.
Con questi accorgimenti si realizzerebbe un risparmio economico significativo sulla realizzazione dell’opera e contemporaneamente si eviterebbe di consumare territorio agricolo

MITIGAZIONI AMBIENTALI

 

Mitigazioni a Velasca : fermo restando che la forestazione va

Assolutamente realizzata come misura di mitigazione, essa va ritenuta appunto come tale e non può essere invece interpretata come compensazione ambientale.
Si richiede che le risorse economiche così risparmiate vengano utilizzate per l’ampliamento della fascia boscata prevista in comune di Arcore (Bernate) per estendere la stessa fino a congiungerla con il territorio del Parco dei Colli Briantei

 

OPERE DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE
 
Il progetto di compensazioni ambientali all’interno del PLIS della Cavallera prevede il recupero dell’integrità del paesaggio attraverso l’introduzione di filari di alberi lungo le strade poderali e lungo la Greenway.
Per quanto riguarda la strada intercomunale che dalla Cascina Cavallera arriva ad oltrepassare l’opera connessa (tangenzialina di Arcore – TRMI17) il filare si interrompe in corrispondenza della tangenzialina stessa non arivvando all’abitato di Arcore. Si richiede il prolungamento del filare in direzione Ovest ed una soluzione appropriata per oltrepassare la tangenzialina (ponte ciclopedonale) per trasformare la strada esistente in una ciclopedonale a tutti gli effetti.
 
OSSERVAZIONI PRESENTATE DA LEGAMBIENTE LOMBARDIA
 
Sistema Viabilistico Pedemontano - OSSERVAZIONI al progetto definitivo di Legambiente Lombardia
 
Milano, 20 maggio 2009                                                  
 
-ESTRATTO-
 
.................Particolarmente problematiche per la generazione di nuova domanda risultano le viabilità accessorie, che si configurano come vere e proprie spine di penetrazione in territori suscettibili di trasformazione urbanistica, e ciò è particolarmente evidente per il tracciato della cosiddetta 'Varesina Bis', del collegamento Cermenate-Cogliate e di quello Bernareggio-Vimercate. Dette viabilità accessorie prefigurano una forte accelerazione dei processi di consumo di suolo che, nel territorio interessato, costituisce un carico ambientale inaccettabile, e che pertanto richiedono di essere assoggettato ad una valutazione preventiva alla predisposizione di un apposito Piano d'Area. Si ritiene tuttavia che dette opere non rappresentino infrastrutture sostanziali al funzionamento di Pedemontana, anche in considerazione del fatto che la loro funzionalità appare modesta e inadeguata alla esigenza di eludere l'attraversamento dei centri abitati da parte delle viabilità esistenti.
 
OSSERVAZIONE 4: si richiede lo stralcio dal progetto delle opere stradali accessorie costituite dalla strada 'Varesina Bis', dal collegamento Cermenate-Cogliate (TRCO11), dal collegamento Vimercate – Bernareggio (TRMI12).
 
Pedemontana è artefice di un intervento infrastrutturale estremamente oneroso in termini di impatto ambientale e territoriale, per di più aggravato dalla relativa scarsità di risorse territoriali disponibili. Il danno ambientale cagionato dall'infrastruttura sia in fase di cantiere che nella sua operatività è paragonabile, quanto a magnitudo, ad un vero e proprio cataclisma di ampie proporzioni. Ancora più forte è il danno arrecato alla struttura sociale di un territorio che ha già visto erodere i propri fondamentali caratteri di paesaggio e identità, e in cui le popolazioni sono sempre più esposte a fattori di criticità ambientale, come attestato un ventennio fa dall'identificazione, da parte dell'allora ministro Giorgio Ruffolo, del territorio su cui insiste Pedemontana come 'Area ad alto rischio ambientale'. Da quell'epoca la situazione non è migliorata, anzi, con riferimento alla congestione stradale e al consumo di suolo, il quadro ambientale è senza dubbio notevolmente peggiorato, mentre il 'rischio' di allora è diventato 'compromissione di fatto' per ampie e crescenti porzioni di territorio. Per questo appaiono particolarmente intollerabili alcune scelte di tracciato che portano ad investire aree di elevato pregio e integrità ambientale.
   
 vedi documento completo
LEGAMBIENTE LOMBARDIA - ONLUS - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale
via Mercadante 4 – 20124 Milano – tel 02 87386480 fax 02 87386487
e-mail: lombardia@legambiente.org  -  www.legambiente.org
 
Damiano Di Simine
Presidente Legambiente Lombardia
  
     
 

OPERE DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE PROPOSTI DALLA RETE  (2007)

 
La realizzazione di collegamenti per garantire la continuità delle aree protette attualmente esistenti con riferimento ai corridoi ecologici già individuati nel progetto Dorsale Verde della Provincia di Milano. Nel vimercatese in particolare occorre pianificare il collegamento dei parchi presenti nella direttrice da Ovest ad Est con interventi di riqualificazione ambientale finalizzati a connettere tra loro le aree del Parco dei colli Briantei con il Parco del Molgora e di qui, proseguendo verso Est, con il Parco del Rio Vallone fino al Parco Adda Nord
Interramento ELETTRODOTTI Seregno-Cornate d'Adda (compreso elettrodotto a nord di Usmate)
IN DETTAGLIO: oltre agli elettrodotti ovviamente da interrare, che hanno andamento identico alla Pedemontana, vi è un terzo elettrodotto a noi noto e molto impattante proveniente da Seregno, che attraversa il Parco Lambro presso Triuggio, passa a nord di Usmate (presso la Montagnola e le colline nel Parco dei Colli Briantei), attraversa il punto di congiunzione tra i parchi di Montevecchia/dei Colli Briantei/del Molgora, attraversa una zona di pregio presso Parco Molgora e CTL3 di Carnate, arriva all' "impianto di trasformazione" tra Verderio inferiore e Cornate d'Adda per poi scendere nel Parco del Rio Vallone verso Mezzago;
ALBERATURE per separazione "definitiva" tra Urbanizzato e aree di pregio/Parchi
IN DETTAGLIO: creazione di filari non solo in mezzo ai campi agricoli (corretto e da sostenere) ma anche alberature lungo i confini urbani verso aree di pregio ambientale/paesaggistico (con relativi oneri per indennizzi/espropri...), ad esempio:
Bernareggio verso la Commenda del Parco Rio Vallone;
Nuove lottizzazioni di Velate verso il Parco dei Colli Briantei;
Vimercate (Ospedale e lottizzazioni Oreno) verso Parco Cavallera;
Ronco Briantino verso CTL3 e Fornace;
Carnate verso Parco Molgora (C.na Corrada); 

SENTIERI ciclabili lungo i Torrenti

IN DETTAGLIO: creazione di alcuni tratti di percorsi ciclopedonali sterrati (in calcestre) oggi non presenti lungo i corsi d'acqua intercettati da Pedemontana (con relativi oneri per indennizzi/espropri...):
Collegamento ciclopedonale lungo il Torrente Molgora da Carnate a Vimercate , desiderato anche dal Parco Molgora;
 
Ipotesi di valorizzazione sentiero ciclabile lungo il Rio La Molgora in buona parte già esistente, da Rogoredo di Casatenovo, Camparada (Parco dei Colli), fino a Bernat e di Arcore;  Rio Vallone


       

      PROGETTI DEFINITIVI

  

  


1   Parco della Cavallera    Filari e siepi del parco Cavallera 31


 


2   Parco del Molgora       Rafforzamento delle fasce boscate sul fiume Molgora 33


   


3   Frazione Velasca  (Forestazione filtro frazione Velasca 32) ,


 


4    Filari e siepi tra Vimercate e Sulbiate, percorsi a rete tra Sulbiate e Mezzago 34

   
5   GREENVAY
 

6   OPERE CONNESSE

   

 

   


Del comune di Vimercate fanno parte  le frazioni di Beretta (1,75 km), Bruno (4,36 km), Cascina Foppa (2,57 km), Cascina Gargantini (3,28 km), Cascina Gariola - Chiesa (3,16 km), Cascina San Paolino (1,48 km), Cascina Santa Maria Molgora (2,09 km), Morosina (2,47 km), Oreno (1,68 km), Ruginello (2,78 km).