GREENVAY
CASSANO MAGNAGO
     
Mitigazioni Cassano
 
Ripristini Cassano
   
PROGETTi PRELIMINARE e rottamati
         
     
Compensazioni forestali Cassano Magnago
     
         
   
   
               
          

     

Cassano Magnago (Va)  



 
     Tratta A
   
       
   PROGETTO EX PL 01  DELLE COMPENSAZIONI COMUNALI  CASSANO MAGNAGO

   

  
 
Le richieste sono di seguito riportate:
- stralciare una fascia di riqualificazione boschiva, al fine di evitare un esborso relativo
all’acquisizione delle aree, destinando in tal modo le economie ottenute nella realizzazione delle
opere del progetto.
Il progetto revisionato è costituito dai seguenti elementi qualificanti e significativi:
1. attraversamento di via Rimembranze a collegamento del percorso nel circuito della fruizione
lenta;

2. l’uso dell’area di sosta veicolare esistente e di supporto alla struttura cimiteriale già esistente;

3. un’ ampia area per attività ludiche ricreative retrostante il cimitero con percorsi, panche,
alberature (denominato” Ring” e di forma ellittica);

4. un percorso ciclopedonale lungo la dorsale del torrente Rile nord – sud posto al piede del ciglio;

5. un ponte ciclopedonale di attraversamento del torrente Rile in corrispondenza della via Bramante;
a tal fine questa opzione consente di porre in relazione l’ambito di progetto all’area comunale
posta a ovest del torrente (diversamente per accedere ad essa si dovrebbe percorrere le strade
comunali, via Pio X, via Mantova, tale opera è individuata e inserita graficamente ma non fa parte
dell' attuazione del progetto PL1 )

6. con la realizzazione del sovrappasso nasce l’opportunità di creare un’area, posta a ovest del
torrente Rile in adiacenza alla via Bramante, da utilizzare come per la sosta veicolare a supporto
del progetto PL1 ( anche questa è una risultante di una riflessione ed integrazione tra progetto
PL1 e aree contigue; codesta porzione di riqualificazione non fa parte del progetto PL1)
 

7. nei luoghi di intervento e di riqualificazione sono presenti in modo “spontaneo” piccoli
appezzamenti ad uso orto personale. Questo dato ha fatto sì che diventasse una parte tematica
del progetto, attrezzando una porzione a orti urbani, costituiti da specifici ambiti, dotati di
allacciamenti acqua e enel e delimitati con recinzioni, cancelletti e casette per gli attrezzi. A tal
fine una piazza antistante il fronte degli orti potrebbe diventare occasione per realizzare
manifestazioni con cadenza da stabilire per una sorta di mercato rionale a km 0;( in fase
esecutiva si valuterà di realizzarne alcune )

8. la realizzazione di un bosco denominato “Noceppeto” con un grado di densità della
piantumazione molto ravvicinata e a passo alternato; un percorso consentirà di attraversarlo e di
accedere all’area sportiva e al campo giochi in via Tagliamento;
 
9. l’attraversamento della via San Pio X avverrà a raso, verrà realizzato con colorazione e cunette al
fine di ridurre la velocità dei veicoli. Questo avverrà in linea con via Masaccio e non coinvolgerà via Pisano.

10. Via Masaccio sarà strutturata con asfalto colorato al fine di individuare il tratto pertinenziale di

ciclabile.

11. Su richiesta della Amministrazione verranno inserite essenze diverse al fine di garantire la
biodiversità. Questo aspetto riguarda le piante di prima e seconda grandezza così come la fascia
laterale arbustiva corrispondente alla pista ciclabile.

12. Continuando il percorso, al termine di via Masaccio e riqualificando un ambito di strada consortile,
ci si avvicina alla dorsale del torrente Rile. La fascia di rispetto al torrente stesso varia al variare
delle situazioni che il progetto propone (vedere schema e tavola degli espropri). Da 1.5 mt
distanti dal piede del ciglionamento sino ad arrivare a fasce con larghezza mt. 5-7,5 e 10 mt. Il
percorso si articola sino a congiungersi con la via Piemonte in corrispondenza della futura
realizzazione del comparto denominato Apc37(ambito, di iniziativa privata, non compreso in alcun
modo nel progetto PL1) A seguire ci si inoltra nel bosco con sentieri già esistenti di cui uno di
questi sfocia su via Gasparoli, termine del progetto.
              
     

   
Questa foto mostra lo squartamento del  territorio prodotto dall'autostrada