Pieve di Desio

   
HOME PAGE   BALSAMO   BIASSONO BOVISIO   SAVINA   CINISELLO   CUSANO    DESIO DUGNANO INCIRANO LISSONE MACHERIO MASCIAGO
 
MUGGIO' NOVA PADERNO PALAZZOLO SEREGNO VAREDO VEDANO AL LAMBRO PIEVE DI DESIO
 
HOME PAGE Desio Convento S. Francesco Torre Ospedale S. Giorgio aree rischio
 

 
PIEVE DI DESIO
 
COMUNI DELLA PIEVE
 
 
BALSAMO
  
BIASSONO
 
BOVISIO
 
CASCINA SAVINA
 
CINISELLO
 
CUSANO 
      
DESIO
Tomba romana
convento San Francesco
Torre campanaria
Ospedale San Giorgio
Cascine San Giuseppe
Aree a rischio
   
DUGNANO
  
INCIRANO
  
LISSONE
  
MACHERIO
  
MASCIAGO
 
MUGGIO'
 
NOVA MILANESE
  
PADERNO
 
PALAZZOLO
 
SEREGNO
 
VAREDO
  
VEDANO AL LAMBRO
 
 

   
                            
   
 
Comune di Desio
La formazione  della Pieve di Desio  è ascrivibile alla metà del VII secolo (5)
   
Tomba romana primo sec d.C.    (scoperta nel 1965 via grigna)
   
   

 
 
 
Convento di San Francesco (1250) 
   

 
     
Torre  (1400-1450)
 
 

  
Ospedale di san Giorgio 
  
 
  
strada comunale di San Giorgio di sotto 
 
 
  
 
      Aree a rischio di scomparsa   
 
 
  
  
Cascine San Giuseppe 
  
Carceri ( da ricostruire)
Area Mercadera ( da ricostruire)
       
  
 
 
  
 
 
comune di Desio
sec. XIII - 1757
 

L’esistenza di un ordinamento comunale è testimoniata da un documento datato 15 febbraio 1260, trascritto negli “Atti del Comune di Milano”, in cui Desio è citato come comune ed è segnalata la presenza del console (Baroni 1987).
Negli “Statuti delle acque e delle strade del contado di Milano fatti nel 1346” Desio risulta incluso nella omonima pieve e viene elencato tra le località cui spetta la manutenzione della “strata da Niguarda” come “el borgo da Desio” (Compartizione delle fagie 1346). Nei registri dell’estimo del ducato di Milano del 1558 e nei successivi aggiornamenti del XVII secolo Desio risulta ancora compreso nella medesima pieve (Estimo di Carlo V, cart. 16 e 17). Capoluogo di una vasta pieve, Desio a metà del XVIII secolo era uno dei borghi più densamente popolati: nel corso dei secoli dell’età moderna esso era infatti andato registrando notevoli aumenti demografici, passando dalle 398 anime numerate nel “Summarium descriptionis facte in locis plebis Dexii” inviato al magistrato delle entrate ducali nel 1.530, alle 700 registrate intorno alla metà del Cinquecento in un altro “Summarium” (Summarium) ed infine alle 2.011 anime registrate nelle risposte ai 45 quesiti della
giunta del censimento del 1751. L’assemblea dei capi famiglia, radunata nei primi giorni di ogni anno per le nomine delle diverse cariche municipalie per l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo della comunità, rappresentava l’organo decisionale del borgo: “le modalità di convocazione dell’assemblea erano quelle comunemente prescritte nel diritto consuetudinario milanese: la Universitas Communitatis et Hominum burgi Dexii veniva “convocata et congregata in pubblica platea, sono campane premisso” ad istanza del console e dei sindaci e su mandato ed imposizione del pretore o del suo luogotenente, che ne presiedevano i lavori” (Superti Furga 1979). 
 
All’assemblea dei capi famiglia faceva riscontro un più ristretto organo esecutivo composto da “sindaci reggenti” e da “sopraeletti”, nominati annualmente dall’assemblea stessa, in numero che, nel corso del XVI, secolo variò tra i 16 ed i 6 componenti. I sindaci “reggenti” erano impegnati
in mansioni legate a problemi di ordinaria amministrazione, ai sindaci “sopraeletti” erano invece demandate funzioni di controllo e di intervento nelle questioni di maggiore rilievo.
Compiti di polizia locale erano infine raccomandati al console di Desio, nominato annualmente sempre dall’assemblea, secondo il comune criterio di scelta che affidava l’incarico a colui che si impegnava a svolgere tale servizio al minore costo. Dalle risposte ai 45 quesiti della giunta del censimento del 1751 emerge che l’intero apparato amministrativo del borgo era ancora costituito dall’assemblea dei capi di casa e da un consiglio ristretto composto da tre sindaci, “che sono capi di tre classi di persone, cioè un nobile per i nobili, un mezzano per li mezzani ed un povero per li poveri”. Ai tre sindaci - eletti il nobile da un particolare consiglio di  primi estimati “nobili” e gli altri due “a voti segreti” da tutto  il popolo radunato in piazza - era raccomandata la gestione
degli interessi della comunità ma soprattutto “la vigilanza sopra la giustizia dei riparti pubblici”.
 
A completare l’organizzazione amministrativa della comunità vi erano un cancelliere ed un esattore: al primo, residente per la maggior parte dell’anno in Milano ma rappresentato in loco da un suo intendente, erano raccomandate la compilazione e ripartizione delle imposte annuali e la custodia delle scritture pubbliche, libri dei riparti compresi; al secondo, nominato “a pubblico incanto”, erano delegate le operazione di riscossione dei tributi, le quali potevano essere compiute solo dopo essere state approvate e firmate dai tre sindaci suddetti. Compiti di polizia continuavano infine ad essere attribuiti al console, nominato sempre a “pubblico incanto” (Risposte ai 45 quesiti, cart. 3063).
 
A metà del XVIII secolo il comune, infeudato dal 1476 (Casanova 1930), aveva il podestà feudale, residente in Milano, ma rappresentato in loco da un luogotenente, a cui la  comunità corrispondeva un onorario a “titolo di podestaria”, ed era anche sottoposto “per il Maggior Magistrato” all’ufficio del capitano di giustizia di Milano, presso i quali il console, in quanto tutore dell’ordine pubblico, era tenuto a prestare ogni anno l’ordinario giuramento (Risposte ai 45 quesiti, cart. 3063). comune di Desio. 676 .................( 3)
   
note:  1) Desio e la sua pieve Capellini pag. 58
         2) Desio e la sua pieve Capellini pag 60       
    3) fonte  http://www.lombardiabeniculturali.it/docs/istituzioni/Milano-s.pdf
    4) Desio e la sua pieve Capellini pag. 11
  5) Storia della Brianza  vol. 1 AA,VV pag. 132 Renato Mambretti  Cattaneo Editore   (tratto a sua  volta da          Vigotti G.    La Diocesi di Milano alla fine del secolo XIII chiese cittadine e pievi forensi nel Liber                  Sanctorum di Goffredo da Bussero,pag.   204 e 330)




E-Mail    Scrivici

Copyright 2008 ALTERNATIVAVERDE