Varedo home 
   
Varedo az 9
 
Varedo az 10
 
Varedo az 11
     
 Varedo PL 21
 
Varedo vasche
di laminazione
 
Varedo pianura
    
Varedo bosco coop
               
Varedo intesa 2015
   
Varedo intesa 2020
   
   

   
         
  
      
ALBIATE (MB)
   
BELLUSCO (MB)
    
BOVISIO-MASCIAGO (MB)
    
CARATE BRIANZA (MB)
   
CERIANO LAGHETTO (MB)
     
CESANO MADERNO (MB)
   
CINISELLO BALSAMO (MI)
   
COGLIATE (MB)
 
CONCOREZZO (MB)
     
CORNATE D'ADDA (MB)
                       
DESIO (MB)
 
GIUSSANO (MB)
   
LAZZATE (MB)
       
LENTATE SUL SEVESO (MB)
      
LIMBIATE (MB)
  
LISSONE (MB)
  
MACHERIO (MB)
  
MEDA (MB)
 
MEZZAGO (MB)
     
MISINTO (MB)
       
MONZA (MB)
   
MUGGIO' (MB)
         
NOVA MILANESE (MB)
 
PADERNO DUGNANO (MI)
    
SENAGO (MI)
  
SEREGNO (MB)
 
SEVESO (MB)
    
SOVICO (MB)
 
 TRIUGGIO (MB)      
 
VAREDO (MB)
 
VERANO (MB)
   

     

OSSERVATORIO ECOLOGICO BRIANZA

        
     
      
 

Varedo

   
   
       SCHEMA DI PROTOCOLLO D’INTESA
ARTICOLO 32 (Corridoio trasversale della rete verde di ricomposizione paesaggistica) DELLE NORME DEL PTCP 
       TRA COMUNE DI VAREDO E PROV. MB
 
AREA DI TRASFORMAZIONE AT_04 VIGENTE PIANO DI GOVERNO DEL
TERRITORIO. APPROVAZIONE SCHEMA DI PROTOCOLLO D’INTESA FRA COMUNE DI
VAREDO E PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA.
 
            
  
 estratto art. 4 intesa
    
 
b. Progetto per il paesaggio e compensazioni territoriali - Tavola 3
 
 
b.1. Coerentemente agli obiettivi dell’intesa, le aree di cui ai precedenti punti a.1.2. e a.1.3., da mantenere libere da edificazione e permeabili:
 
b.1.1. garantiscono il mantenimento, in area d’intervento, di suolo permeabile per minimo 7.200 mq circa (pari al 33% della superficie dell’area d’intervento);
 
b.1.2. sono individuate lungo i margini est e sud dell’area d’intervento, in modo da assicurare la continuità tra aree non urbanizzate in rete verde di ricomposizione paesaggistica e la continuità/rafforzamento del verde urbano di connessione ambientale di cui al vigente PGT del Comune di Varedo (“verde urbano di connessione ambientale della rete verde di ricomposizione paesaggistica”);
 
b.1.3. concorrono allo sviluppo dell’infrastrutturazione a verde all’interno del Corridoio trasversale della rete verde di ricomposizione paesaggistica.
 
b.2. Nelle aree da mantenere libere da edificazione e permeabili di cui ai precedenti punti a.1.2. e a.1.3. sono previsti i seguenti interventi:
 
b.2.1. forestazione/imboschimento (area a.1.2.);
 
b.2.2. riqualificazione dell’area boscata esistente (area a.1.3.);
 
b.2.3. realizzazione di percorso ciclopedonale connesso a tratto esistente, a nord lungo via Pastrengo e a sud lungo via Rovereto.
   
b.3. Lungo lati ovest, sud e est dell’area funzionale alla realizzazione dell’intervento commerciale di cui al precedente punto a.1.1. (internamente alla stessa lungo il lato ovest) è prevista la realizzazione di filare alberato con valenza anche di mitigazione.
   
b.4. L’attuazione delle previsioni di trasformazione di cui al precedente punto a. è subordinata alla redazione di un progetto paesaggistico delle aree da mantenere libere da edificazione e permeabili, tenuto conto degli interventi di cui ai precedenti punti b.2 e b.3. Il progetto paesaggistico deve garantire la fruibilità delle aree da parte dei cittadini e qualità delle piantumazioni e delle sistemazioni a verde.
 
b.5. A titolo di compensazione territoriale sono previste:
 
b.5.1. l’acquisizione a patrimonio comunale di area da mantenere libera da edificazione e permeabile, di superficie minima pari al 20% della superficie dell’area d’intervento (4.360 mq). A tal fine è stata individuata un’area di superficie pari a circa 4.550 mq, situata a sud-est del territorio comunale – a confine con il Comune di Nova Milanese- facente parte del Plis Grubria e della Rete verde del Ptcp vigente. L’area è posta in continuità con aree già di proprietà comunale e classificata dal Piano delle regole del vigente Pgt tra le “Aree verdi di rilevanza paesistico ambientale che concorrono alla costruzione dei corridoi delle reti ecologiche regionale e provinciale”.
 
b.5.2. l’individuazione di una o più aree degradate da riqualificare e rinaturalizzare.
(in attesa di progetti)