AGRATE
      
ALBIATE (MB)
  
AICURZIO (MB)
   
ARCORE (MB)
  
BARLASSINA (MB)
  
BELLUSCO (MB)
  
BERNAREGGIO (MB)
BESANA BRIANZA
  
BIASSONO (MB)
  
BOVISIO-MASCIAGO (MB)
  
BRIOSCO
   
BRUGHERIO
     
BURAGO MOLGORA
     
BUSNAGO
 
CAMPARADA
   
CAPONAGO
    
CARATE BRIANZA (MB)
    
CARNATE (MB)
      
CERIANO LAGHETTO (MB)
  
CONCOREZZO
   
CORNATE D'ADDA
     
CESANO MADERNO(MB) 
     
DESIO (MB)
     
LAZZATE (MB) 
     
LENTATE SUL SEVESO (MB)
   
LESMO (MB)
    
LIMBIATE (MB)
 
LISSONE (MB)
  
LUISAGO
      
MACHERIO (MB)
 
MEDA (MB)
    
MEZZAGO (MB)
  
MISINTO (MB)
MONZA
MUGGIO'
  
ORNAGO (MB)
RENATE
  
RESCALDINA (MB)
  
RONCELLO
 
RONCO BRIANTINO
       
SEREGNO (MB)
  
SEVESO (MB)
   
SOLARO
  
SOVICO (MB)
  
SULBIATE (MB)
     
TREZZO SULL'ADDA (MB)
   
TRIUGGIO (MB)
  
USMATE VELATE
    
VAREDO
   
VEDUGGIO CON COLZANO
   
VERANO BRIANZA
   
VILLASANTA
       
VIMERCATE (MB)
     
Scrivi
   
               

   

     

 
Lissone  
 
 
                                                                                         
04 dicembre 2013
EX ATR7
     
       
L'AMMINISTRAZIONE FERMA UNA COLATA DI CEMENTO ACCOGLIENDO ANCHE L'OSSERVAZIONE DEGLI AMBIENTALISTI DE "L'OSSERVATORIO PTCP"
          
 
 
Lunedì 02/12/013 il Consiglio Comunale di Lissone ha trattato l'annosa questione dell'AT7, ambito di trasformazione dove si prevedeva un volume edificabile pari a 72.520mc suddivisi su due lotti, a destinazione residenziale e terziario, con 4 edifici di 10 piani (altezza 32mt) sul lotto A e 6 edifici a 4 piani più due  torri di 10 piani sul lotto B.
Una vera e propria colata di cemento in una delle poche aree verdi ancora rimaste libere nel Comune di Lissone, comune dove il consumo di suolo ha superato l'80% e con molti insediamenti che sono stati costruiti non per rispondere a reali fabbisogni ma a fini speculativi.
Un Ambito di Trasformazione riproposto dalla SOFIM, dall'Impresa Edile F.lli Faletra (uno dei titolari è Cons. Prov. del PdL) e da  Bresciani e Zanoli e, per procedura obbligata, adottato in data 10/07/013.
 
QUALCOSA E' PERO' CAMBIATO.


Venuti a conoscenza che la nuova amministrazione di Concetta Monguzzi ha dato il via ad una variante al PGT nella logica di rivedere buona parte degli ambiti di trasformazione previsti dalla passata amministrazione Lega-PdL di Ambrogio Fossati, il coordinamento ambientalista OSSERVATORIO PTCP di MB ha elaborato e protocollato un'Osservazione nella fase dell'iter d'approvazione dell'AT7, presentata da un gruppo affiliato (Legambiente di Monza) e dal WWF Lombardia, cui abbiamo chiesto di affiancarci e che ringraziamo per la disponibilità.

 

Un'Osservazione con richiesta di stralcio e annullamento delle previsioni edificatorie sull'AT7.  

A supporto dell'Osservazione, anche il fatto che con l'approvazione del 10/07/013  da parte della Prov. di MB del PTCP (che l'Osservatorio ha monitorato attentamente) le aree interessate dall'AT7 sono state definite come aree appartenenti alla RETE VERDE di RICOMPOSIZIONE PAESAGGISTICA comprese pure nel buffer di inedificabilità ai lati del sedime della futura autostrada Pedemontana.

Si perchè, le palazzine previste nel progetto edilizio dell'AT7 sarebbero state a ....... vista autostrada.

La maggioranza del Consiglio Comunale di Lissone, sulla base di una Proposta di Delibera dell'Assessore al Territorio con delega all'Urbanistica, Maria Rosa Corigliano, tenendo presente le LINEE D'INDIRIZZO PREVISTE PER LA VARIANTE AL PGT, LE INDICAZIONI PRESENTI NEL PTCP PROVINCIALE e CONDIVIDENDO I CONTENUTI DELL' OSSERVAZIONE PRESENTATA DAL WWF LOMBARDIA e DAL CIRCOLO A. LANGER DI LEGAMBIENTE MONZA, ha deliberato di dare indirizzo alla Giunta di NON APPROVARE il Piano Attuativo previsto per l'AT7.

 
Una scelta che preserva quindi il corridoio verde.
 
Un atto coraggioso e concreto dell'Amministrazione che, ci auguriamo, prosegua sul cammino della revisione del PGT nella logica di NON CONSUMARE ULTERIORE SUOLO.
 
Per questo fine, sul PGT di Lissone, i gruppi del'Osservatorio hanno presentato altre 20 osservazioni e presto chiederanno un confronto sulle stesse.
 
Coordinamento Ambientalista OSSERVATORIO PTCP Di MB
 
 
 
1 SEGNALAZIONE PRESENTATA DA: OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA
SEGNALAZIONE N. 1
A cura di: Associazione residenti condomini le
Lucerne
 
  
 
    
2 SEGNALAZIONE PRESENTATA DA: OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA
Osservazione a cura di:
Associazione Torrette Bini Dosso Boscone- Macherio
Comitato per l'ampliamento del Parco Brianza
Centrale
         
 
 
3 SEGNALAZIONE PRESENTATA DA: OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA  
osservazione a cura di
   
 
   
4 SEGNALAZIONE PRESENTATA DA: OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA
Osservazione a cura di:
Associazione Torrette Bini Dosso Boscone- Macherio
Comitato per l'ampliamento del Parco Brianza
Centrale
      
      
   
  
osservazione presentata da : Comune di Lissone  
 
Aree Agricole strategiche 
 
risposta della provincia MB
Gli AAS sono stati individuati con specifici
criteri indicati dal PTCP in accordo con la
normativa regionale. Si ricorda tuttavia
che la LR 12/2005 e la normativa di Piano
prevedono la possibilità rettifiche e
precisazioni in fase di redazione del PGT
 
 
 
   
Una colata di cemento di oltre 100.000 mq
lungo la valassina
16 novembre 2011
(dal sito Pd Lissone)
 
     
Mentre L'Ammistrazione di Desio, guidata dal Sindaco Roberto Corti, ha restituito a verde più di un milione di metri quadri, compresa l'area dove sarebbe dovuto sorgere il centro commerciale PAM, i "solerti" amministratori del centrodestra lissonese armati di cazzuola, si preparano a cementificare oltre 100.000 metri quadri lungo la valassina con edilizia commerciale.
 
Questo è il quadro desolante che emerge dal PGT appena adottato in cui gli Ambiti di trasformazione (AT) n. 29 e e 30 prevedono l'edificazione di tipo commerciale sui terreni evidenziati in colore blu lungo la valassina. Il n. 29 riguarda l'area dove ore sorge il campo nomadi (fra l'altro nessuno a previsto dove andranno i nomadi, per esempio) l'altra è una parte dell'area PAM.
 
Mentre il PTCP (lo strumento urbanistico provinciale) di Monza e Brianza ancora in discussione, prevede per la superficie nuda intorno alla Valassina un'area di salvaguardia il cosidetto "Corridoio della Valassina" (come raffigurato nella foto sotto), la nostra amministrazione guidata da Lega e PDL ci costruisce sopra.
 
 
 
 Ci risulta che anche l'amministrazione provinciale sia guidata da Lega e PDL.
Ma allora quante facce ha questo centrodestra?
In provincia, a parole, fanno gli ambientalisti e qui a Lissone, invece, non perdono la loro vocazione mattonara. Siamo alla farsa, dov'è la coerenza politica.

"Sulla questione sono emerse anche le preoccupazioni del Sindaco Corti quando è stato nostro ospite in aula consiliare durante la discussione del Pgt" afferma il coordinatore Elio Talarico, "il Sindaco di Desio si è detto intenzionato a fare osservazioni su questi due ambiti di trasformazioni che sorgono sul confine con Desio".

Qui un articolo apparso sulla stampa locale con alcune interessanti dichiarazioni del Sindaco di Desio.