HOME PAGE STORIA LOCALE STRECC DE DES
 

   
   
     
 
   
       
I STRECC DE DES
         
zona nord ovest
              
 strada vecchia per San Carlo e per cassina Savina
   
Strada vicinale per Binzago
 
Strada consorziale Molinello
   
Via  Trincea delle Frasche
  
Strada comunale dei Boschi
       
Strada comunale delle Vallette
       
zona nord est
           
strada comunale per San Giuseppe
 
strada consorziale detta della cascina S.Giuseppe
       
strada comunale detta “della Molinara”     
   
Strada comunale delle Saltine
   
Strada consorziale della Cerasola
         
zona sud ovest
       
strada consorziale detta “della Bertacciola di Sotto”  (Strada comunale per masciago) 
            
strada consorziale detta “della Bertacciola di Sopra
 
Vicinale dei boschi della Cappelletta
       
Strada vicinale  vecchia per Varedo
       
Strada dei boschi della Valera
 
Strada vicinale  vecchia per la Valera
     
   zona sud est
     
strada comunale  di “S. Giorgio” di sotto
     
vicinale Sant'Apollinare
     
la Vecchia per Muggiò”, 
   
strada comunale detta “la Baraggiola”
    
Strada comunale detta dei Boschi di Muggio'
   
Strada comunale detta di Santa Liberata
   
Vicinali Dei Mariani
 
Vicinale dei Prati
   
intercomunali
   
Vicinale per San Martino a San Giorgio di Desio (studio)
    
antichi sentieri tra il Lambro e il Seveso 
    
    
                
   
 
                            
 
 
I strecc de Des         
 
( le strade vicinali di Desio)
    
   
Una strada quasi fantasma

Vicinale dei boschi della Cappelletta

   
      
   
pagina in composizione
     
   
La leggenda dice che chi era colpito dalla peste , si avviava per questa strada  per isolarsi dalla popolazione di Desio
   
         
    
    
   
  
Cappelletta dei Boschi (alias Foppone -Fupun di Busc) (foto associazione Baule Verde Bovisio)
    
La cappelletta del Foppone (a cura dell'associazione Baule Verde di Bovisio Masciago)
   
   
   
 
Cappelletta dei boschi 2019
     
  
 
   
Estratto dalla mappa censuaria di Desio 1720
.........dicesi al foppone dei Morti........
 
1720
 
 
 
   
 
 Mappe piane. Prima serie, Catasto teresiano, 1721  DESIO. COMUNE CENSUARIO
     
 
 
 
 
1865
    
     
     
Catasto lombardo veneto     DESIO. COMUNE CENSUARIO (1865 - 1873)
   
      
   
      
   
particolare 1865
 
1888
   
     
mappa militare 1888 la Cappelletta è citata come "Cappella dei Morti"
    
 
       
1902
 
   
   
strada consorziale dei boschi della Cappelletta (fupun di busc) Catasto 1902
 
 
Particolare
             
     
1954
 
   
strada consorziale dei boschi della Cappelletta 1954
   
   
strada consorziale dei boschi della Cappelletta 1954  percorso evidenziato
         
1960
   
     
BLU vicinale dei boschi della Cappelletta mappa 1960
   
     
2004  
   
DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE
Numero 87 Del  16 Settembre 2004  
   
 
2018
  
   
         
Mappa catastale 2015
  Le tratte in bianco oggi non sono accessibili
     
   

 

Il problema del Parco Urbano

 
IL Masterplan del parco urbano prevede:
 
.....................il completamento della riqualificazione della cava di via
Agnesi, con la realizzazione di un’area concerti all’aperto
   
   
   
   
Come si evince dalla mappa estratta dal progetto del nuovo parco urbano,
sull'area dell'ex cava non è previsto il ripristino della vicinale dei boschi della cappelletta, patrimonio storico della città di Desio
            
         
   
In giallo e rosso è l'antico percorso della vicinale
   
  
     
Contestualmente al ripristino della vicinale occorre anche la restituzione del percorso cancellato con la costruzione del forno inceneritore da parte della società che gestisce lo stesso  ed è proprietaria  del fondo
     
Altra importante considerazione è che l'area dell'ex cava grazie  una convenzione stipulata con la Provincia di Milano dieci anni or sono prevede la riqualificazione a parco da parte della Società che gestisce la cava stessa , con un costo attorno alle ottocentomila euro senza oneri e spese per il comune di Desio
   
     
 Mentre il comune prevede un prato .......
     
   
   
 
estratto dal : Progetto Definitivo
   
RECUPERO AMBIENTALE E TERRITORIALE DELLA EX-CAVA FARINA
 
L’ex area di cava occupa una superficie di 68.000 m2 circa e risulta suddivisa in 2 vasche (nord e sud) rispettivamente di 25.000 m2 circa e 43.000 m2 circa, profonde fino a 30 m dal piano campagna nella sola zona sud. Il riempimento armonico di tali volumi viene realizzato attraverso la deposizione controllata di circa 900.000 m3 (netti) di materiale inerte. Al termine dei conferimenti è previsto l’inerbimento di 95.000 m2 di superficie, la piantumazione di oltre 2.500 essenze vegetali e la realizzazione di percorsi pedonabili/ciclabili.
Il progetto interessa esclusivamente l’area della cava e zone limitrofe per un totale di circa 95.000 m2 di superficie, comprese alcune aree accessorie già riportate a quota campagna.

   
     


 
   

Copyright 2018-2019  ALTERNATIVAVERDE