TURATE HOME
 
 
Ripristini
 
 
Mitigazioni
   
 
Deframmentazioni faunistiche
 
  
Osservazioni
 
 

               


 

   

Turate


  
   
OPERE DI COMPENSAZIONI AMBIENTALI  PROPOSTE DALLA RETE  
 
L’attraversamento della Valle della Lura comporterà la compromissione dei terreni già protetti dal PLIS Lura. Si richiede l’impegno da parte delle istituzioni affinchè l’attuale area protetta sia promossa a Parco Regionale.
 Si richiede che una fascia di rispetto di almeno mt 500 a fianco dell’autostrada sia vincolata ad uso agricolo o forestale e la sua inclusione nel costituendo Parco Regionale.

A est della Lura:

si richiedono opere di compensazione che includano un significativo ampliamento delle superfici forestali in direzione Lazzate, tramite anche l’impianto di filari alberati paralleli all’autostrada.

 Si richiede inoltre l’inclusione nel PLIS/Parco Regionale di un corridoio ecologico di almeno mt 500 che includa i terreni agricoli posti fra gli abitati di Rovellasca, Bregnano, Lazzate in modo da garantire il corridoio ecologico verso la Valle del Seveso.

 All’interno della suddetta opera si richiede la ri-piantumazione del Bosco della
Battù, ora ridotto a causa dell’utilizzo agricolo.

A ovest della Lura:

Il Bosco della Moronera nei Comuni di Turate e Lomazzo è l’ultimo frammento forestale di un certa dimensione a nord di Saronno. Attualmente risulta già tagliato a metà in direzione nord-sud dall’Autostrada dei Laghi. La
Pedemontana andrà a tagliare la stessa area ortogonalmente, ovvero in direzione est-ovest.
 Si richiede pertanto la messa a tutela del bosco attraverso l’inclusione nel PLIS del Lura o tramite la creazione di un nuovo PLIS. Si dovrà provvedere a un piano di riqualificazione che includa la sostituzione della robinia con specie arboree autoctone.  L’area dello svincolo e della barriera di Lomazzo dovranno essere provviste di barriere acustiche e passaggi al fine di tutelare la fauna.