ALBIATE (MB)
  
BIASSONO (MB)
  
BOVISIO-MASCIAGO (MB)
  
CARATE BRIANZA (MB)
    
CESANO MADERNO(MB) 
CINISELLO BALSAMO (MI)
 
CUSANO MILANINO (MI)
       
DESIO (MB)
GIUSSANO (MB)
     
LESMO (MB)
 
LISSONE (MB)
 
MACHERIO (MB)
MEDA (MB)
  
MONZA (MB)
MUGGIO'  (MB)
NOVA MILANESE  (MB)
 
PADERNO DUGNANO (MI)
   
SEVESO (MB)
  
SEREGNO (MB)
  
SOVICO (MB)
     
TRIUGGIO (MB)
VEDANO AL LAMBRO
   
VAREDO (MB)
 
VERANO (MB)
  
Scrivi
               

   

     

 
 
Seregno
 
 
 
 
   
3 dicembre 2013
 
 
   
Legambiente Seregno Onlus
WWF Comitato Groane
Osservatorio PTCP di Monza e Brianza
Comitato per l’ampliamento del Parco Brianza Centrale
   
   
    
 Prima di far nascere il parco regionale della Brianza centrale  si provvede a concimarlo con sostenze molto chimiche 
 
Discariche al cimitero di seregno
(nel terreno del parco)


leggi tutto

 
   
 
 
Articolo tratto da Brianza Centrale
 
In un recente video diffuso da Seregno TV l'assessore Mazza fa il punto sul nuovo PGT  di Seregno e, come al solito, ci lascia allibiti;  lo sbandiera come un PGT a consumo di suolo "sostanzialmente" pari a zero e per avvalorare questa affermazione sostiene che "l'unica trasformazione da verde ad edificabile riguarda una zona agricola" di proprietà del comune che diventerà produttiva.
 
 

 
Seregno, via delle Valli - In rosso l'area di proprietà comunale
Quanto a questa zona agricola, la nuova destinazione urbanistica è decisamanete da contrastare, poiché l'area risulta di grande rilevanza paesistica in quanto assicura una continuità agli spazi aperti residui all'interno della conurbazione della Brianza Centrale.

Notevole anche la rilevanza ecologica perché l'area fa parte del corridoio primario - della Rete Ecologica Regionale - di connessione con il Parco Regionale della Valle del Lambro e della Rete Verde di ricomposizione paesaggistica.

Elementi di caratterizzazione ecologica del territorio - Immagine  PTCP di Monza e Brianza  (adottato) Tavola 2
Ma purtroppo questa non è neanche l'unica trasformazione da verde ad edificabile che il nuovo PGT prevede o riconferma dal PRG vigente.


 Infatti dalla "tabella di contabilizzazione del consumo di suolo previsto" scopriamo che:

    13.525 mq di aree agricole verranno destinati a "grandi opere"
    21.523 mq di aree agricole (corrispondenti al terreno di cui sopra) verranno destinati a nuovi cantieri
    81.014 mq di aree verdi incolte verranno urbanizzati
    249.913 mq di aree verdi incolte rimangono destinati a nuovi cantieri (residuo del PRG vigente)


  
 Dunque quel "sostanzialmente" viene usato da Mazza per mascherare un aumento del consumo di suolo.
   
     
 

PLIS  Parco della Brianza Centrale  atto di riconoscimento